«L'amore e non il sacrificio». La misericordia nel Vangelo di Matteo

«L'amore e non il sacrificio». La misericordia nel Vangelo di Matteo

di Matteo Ferrari

Nel Vangelo di Matteo il tema dell’amore-misericordia riveste grande rilievo e ricorre in più occasioni. In particolare, due brani sono collegati tra loro da una citazione del profeta Osea: «Perché voglio l’amore e non il sacrificio, la conoscenza di Dio più degli olocausti». Nell’Antico Testamento la misericordia è innanzitutto prerogativa divina, segno dell’amore fedele per l’uomo e parametro di comportamento. E poiché nella Scrittura l’imperativo viene sempre dopo l’indicativo, il credente sperimenta il volto misericordioso di Dio e solo successivamente è chiamato a comportarsi di conseguenza. Gesù stesso nel Vangelo di Luca rimanda a tale principio, quando afferma «Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso».